Fallout Wiki
Fallout Wiki
2 502
pagine

SavageDivide-E3-Fallout76.png

La Scissione Selvaggia è una delle sei regioni appalachiane di Fallout 76, che occupa una posizione centrale in West Virginia.

Descrizione[]

Originariamente chiamata "foresta nazionale di Monongahela", questa regione degli Appalachi divenne nota ai sopravvissuti nel mondo post-apocalittico come Scissione Selvaggia. Si tratta di una zona montuosa il cui paesaggio roccioso è difficile da attraversare e in cui è facile perdersi. Prima della Grande Guerra, queste alte montagne degli Appalachi ospitavano diverse stazioni sciistiche, bed and breakfast e chalet disponibili per l'affitto ai ricchi turisti.

Tra i più popolari c'era il Top of the World, in origine un'enorme stazione di sciistica di risalita, completa di negozi e ristoranti al suo apice. Più a nord e annidato tra le montagne si trova un centro di ritiro spirituale noto come il Palazzo del Sentiero tortuoso. La sua architettura unica è in netto contrasto con il resto delle montagne dell'Appalachia. Lo scambio di voci su ciò che accadeva all'interno di quei muri recintati era un passatempo popolare prima della guerra.

Savage Divide map.jpg

La regione divenne ben presto dopo la guerra un paesaggio composto da resort abbandonati e rifugi panoramici in decadenza, sede di minatori talpa, supermutanti, ardenti e, prima della loro venuta, di numerosi gruppi di predoni, spesso derivanti da ex turisti rimasti rinchiusi nelle case vacanziere. La Scissione Selvaggia era, infatti, la base delle operazioni per le fazioni dei predoni dell'Appalachia, e tutte le sue stazioni ferroviarie sono state occupate dai loro venditori ambulanti robot. Le trappole sono più comuni qui a causa della forte presenza di resti di predoni e dei supermutanti endemici di Huntersville.

Caratteristiche[]

Il nome dato alla regione deriva dalle alte montagne che creano un grande muro tra le regioni della Foresta, della Valle Tossica, del Cumulo di Cenere sul lato ovest, e le regioni del Mire e della Torbiera di Mirtilli sul lato est.

È diventata ben presto un rifugio per i predoni dopo il brutale inverno del 2077/2078 che ha ridotto i turisti e gli ospiti benestanti in veri e propri tagliagole e cannibali, facendo tutto il necessario per sopravvivere.