FANDOM


Gametitle-FO1Gametitle-FO2Gametitle-FNVGametitle-FB

I Khan sono una tribù di predoni feroci e semi-organizzati con una cultura che segue i principi del darwinismo sociale. Sono uno dei gruppi più formidabili tra i quattro originari del Vault 15 (cioé le Vipere, gli Sciacalli, i Khan e la comunità di Shady Sands). In molti li considerano i fondatori del mercato della droga: sono infatti famosi per la loro produzione di jet, psycho e altre sostanze di questo genere. Nel 2161 la loro base si trova a sud-est di Shady Sands. I Khan hanno rischiato almeno due volte di essere annientati, ma "come una fenice" sono riusciti sempre a risorgere dalle proprie ceneri.

Caratteristiche Modifica

Un tempo i Khan vivevano ispirandosi agli antichi guerrieri mongoli: razziare città, bruciare tutto ciò che non potevano portare con sé e ridurre in schiavitù i sopravvissuti era la norma per loro. I loro bersagli principali erano le comunità di Shady Sands (con cui un tempo avevano condiviso un Vault) e Junktown. Nel 2281 si sono ridotti a produrre e commerciare droghe con i Demoni. Di solito viaggiano in piccoli gruppi di ricognizione, ma a volte si aggirano per il deserto in veri e propri squadroni di battaglia. I Khan hanno un enorme rispetto per la forza: nel combattimento cercano in ogni modo di dimostrare il proprio valore al clan utilizzando i propri pugni o delle clave. Nonostante favoriscano l'uso di armi da mischia, alcuni di loro ricorrono a pistole e altre armi da fuoco di piccole dimensioni.

Storia Modifica

I Khan Modifica

Durante la primavera del 2141, quattro gruppi lasciarono il Vault 15 per avventurarsi nella Zona contaminata. Nell'inverno dello stesso anno, tre di questi diventarono gruppi di predoni: Sciacalli, Vipere e Khan. I Khan vennero fondati e guidati dal padre di Garl "mano di morte", che li conduceva in frequenti saccheggi (solitamente scegliendo come bersaglio Shady Sands, villaggio creato dal quarto gruppo uscito dal Vault). Intorno all'inizio del 2161, Garl uccise suo padre e divenne il nuovo capo dei Khan. Fu in questo periodo che il gruppo si accampò in un edificio a sud-est di Shady Sands piantando alcune tende.

Garl riprese la linea del padre, attaccando Shady Sand, Junktown e chiunque altro gli sembrasse una preda facile. Dopo una dura giornata di furti, uccisioni e saccheggi, Garl e i suoi spesso decidevano di "rilassarsi" andando a trovare le ragazze di Junktown. Nel 2161, Gant fu ucciso dall'abitante del Vault venuto a salvare Tandi, che era stata rapita dai Khan. L'abitante salvò anche altri due schiavi, uccidendo tutti gli altri Khan nell'accampamento tranne un giovane di nome Darion, che in quel momento era assente o nascosto.

I Nuovi Khan Modifica

Darion divenne paranoico e ossessionato dall'idea di vendicarsi dell'abitante e di Tandi, che era intanto diventata presidente dell'RNC. Egli soffriva anche della sindrome del sopravvissuto essendo l'unico superstite del massacro. Darion fondò così una seconda generazione di Khan: i Nuovi Khan. Fin dal 2161, Darion passò il tempo a reclutare nuovi membri o a guidare i suoi uomini in svariati assalti. Nel 2241, però, Darion è ormai anziano e guida i suoi al Vault 15, lo stesso da cui provenivano i suoi antenati. Qui l'anziano leader stringe un accordo con il gruppo che si è stanziato nella zona: in cambio del loro silenzio, i Khan si sarebbero accampati nel vecchio Vault e avrebbero condiviso cibo e acqua guadagnati dagli assalti alle carovane, specialmente a quelle della RNC. In questo modo il gruppo tornò ancora una volta a vivere la vita degli antichi guerrieri mongoli. Ma questa situazione non durò a lungo, perché, ironia della sorte, nel 2241 Darius fu ucciso dal Prescelto, il nipote dell'abitante del Vault che 80 anni prima aveva sterminato i suoi compagni.

Great Khan Modifica

Articolo Principale: Great Khan

Simbolo Great Khan

Dopo aver rischiato l'estinzione in California, i Nuovi Khan sopravvissuti furono radunati da Papa Khan e condotti al di fuori del territorio dell'RNC. Nel 2267 avevano reso la Zona contaminata del Mojave la loro dimora e avevano preso il nome di "Great Khan". Prosperarono nelle rovine di Las Vegas per molti anni, finché non vennero cacciati dai securitron del Signor House e dalle Tre Famiglie: a questo punto i Great Khan si spostarono a Bitter Springs, dove continuarono ad assalire comunità vicine e viaggiatori.

Intorno al 2274 la presenza dell'RNC nella zona inizò a farsi sentire: la scoperta di Hoover Dam e della preservatissima città di Las Vegas (ora chiamata New Vegas) portò a un improvviso flusso di coloni dell'RNC e di turisti, ma anche ad un progressivo interessamento dell'RNC al territorio del Nevada. Vedendoli come invasori, i Great Khan iniziarono ad attaccare i cittadini e gli insediamenti della Repubblica, sperando che House e le sue tribù facessero lo stesso. Ma questo non avvenne: il Signor House firmò il Trattato di New Vegas, lasciando da soli i Khan nella loro battaglia contro l'RNC. Grazie al trattato, la Repubblica aveva tempo e risorse per dedicarsi alla controffensiva: le forze dell'RNC cominciarono a tracciare i gruppi di assalto dei Great Khan nel tentativo di eliminarli e infine riuscirono ad attaccare Bitter Springs. L'esercito dell'RNC e i 1° Ricognitori però ignoravano che si trattasse dell'accampamento principale dei nemici. Mentre i guerrieri si scontravano con le truppe dell'esercito, i Khan più deboli (soprattuttto le madri, i bambini e gli anziani) furono fatti evacuare attraverso un passo lì vicino. Ai 1° Ricognitori fu ordinato di sparare ai fuggitivi, e i cecchini seguirono gli ordini. Altri dettagli variano a seconda delle versioni, ma l'RNC era convinta che si trattasse di un accampamento di attacco, con risultati disastrosi: il massacro di oltre una dozzina di innocenti è da allora conosciuto come il massacro di Bitter Springs. Dopo l'incidente numerosi soldati dell'RNC aventi preso parte alla carneficina subirono traumi irreparabili, come nel caso di Boone.

I Great Khan sopravvissuti furono costretti a ritirarsi nell'inospitale Red Rock Canyon. Dopo il massacro di Bitter Springs, i Seguaci dell'Apocalisse offirono al gruppo il loro aiuto e insegnarono loro a produrre medicinali; i Khan, però, usarono queste informazioni per creare droghe, diventando i principali distributori di sostanze illegali assuefacenti nel Mojave. Disgustati dal loro comportamento meschino, i Seguaci smisero di aiutare i Khan e li abbandonarono a loro stessi.

Ancora oggi il leader dei Great Khan, Papa Khan, dà la colpa all'RNC per la loro situazione. Egli sembra però l'unico membro importante della comunità a portare ancora avanti l'odio nei confronti della Repubblica, e non ha alcuna intenzione di considerare la possibilità che il massacro sia stato causato da un errore di comunicazione. Per questo motivo, nel 2281, sta pensando di allearsi con la Legione di Caesar, l'avversario principale dell'RNC nella Zona contaminata del Mojave.

Apparizioni Modifica

I Khan sono gli unici dei tre gruppi di predoni previsti per Fallout (insieme alle Vipere e agli Sciacalli) ad apparire nel gioco come fazione. Appaiono anche in Fallout 2 e Fallout: New Vegas con un nuovo nome.

Dietro le quinte Modifica

Il loro nome si rifà all'appellativo Khan, che veniva assegnato ai comandanti mongoli (l'esempio più famoso è quello di Gengis Khan).

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.